E IL TURISMO BUSSO' ALLE PORTE

Come è cambiato il Lido delle Nazioni dagli anni '60 ad oggi


Arriviamo così alla fine degli anni ‘50 quando le ferite della guerra si erano sanate e il boom economico era ai suoi albori. Ma come trasformare una località di dune selvagge e arbusti mediterranei in una ridente località turistica senza nulla togliere alla bellezza dell’ambiente?

Ci fu una società di Milano che si cimentò in questa impresa, e trasferendosi qui armi e bagagli, studiò questo territorio e impostò le premesse per creare il Lido che tutti conosciamo. Quindi via con le ruspe che, lavorando giorno e notte spianarono tutte le dune portando molti carichi di terra su camion e spargendoli ovunque per livellare il territorio. Ed è così che, dove fu tolta la terra sorse anche il nostro bel Lago delle Nazioni e quando tutto fu appianato l’urbanizzazione potè cominciare. Si iniziò con la progettazione dei servizi e poi vennero le strade che, costruite ad angolo retto diedero una concezione moderna alla località nascente e poi naturalmente il Lungomare, che sarebbe divenuto negli anni il fulcro della passeggiata e il posto privilegiato della movida. L’impronta che fin dall’inizio si voleva dare a questo Lido era di natura sportiva e per questo furono create molte strutture ad hoc per incrementare lo sport. I più giovani non lo ricorderanno, ma qui c’era un valente centro ippico lungo la circonvallazione, dove si disputavano importanti gare di equitazione a carattere nazionale che richiamavano molti appassionati di questo sport. C’era poi il centro del tennis che fu attivissimo fino alla fine degli anni novanta, lo sci nautico e il windsurf che si praticavano sulle acque del Lago, poi la scuola di vela a tutt’oggi attiva che ha insegnato a schiere di giovani a veleggiare. A fianco dei campi da tennis c’era il minigolf sempre molto frequentato e poi un aeroporto turistico ubicato sulle sponde del Lago delle Nazioni che tra l’altro attuava voli panoramici sul territorio del Delta del Po a beneficio dei turisti e in più nei giorni festivi si occupava di fare lanci di paracadutismo sulla Piazza Italia che allora era un semplice Piazzale. Insomma premesse importanti per il futuro della località e strutture sportive molto valide ed originali. Ma, si sa, tutto cambia ed anche il turismo che all’inizio era fatto di vacanze lunghe, mensili o addirittura stagionali, si accorciò nei tempi di permanenza che divennero molto brevi, fatti di una o due settimane al massimo. La permanenza in spiaggia con la tintarella i bagni e quant’altro, divenne prevalente: il tempo per gli sport un po’ alla volta si assottigliò e le attività che si svolgevano lontano dalla spiaggia lentamente cessarono e tutti cominciarono a riversarsi sul Lungomare per le distrazioni e il divertimento che cambiarono divenendo “aperitivo”, ballo, passeggiate, Luna Park, Karaoke e chi più ne ha più ne metta. Non si può fare una classifica di cosa sia stato meglio o peggio, semplicemente la vita è cambiata come pure i gusti dei turisti che tornano ogni anno numerosissimi a trascorrere le loro vacanze al Lido delle Nazioni divertendosi in maniera diversa di un tempo che loro chiaramente giudicano migliore.


Contattaci per informazioni

Contattaci senza impegno per informazioni su immobili in vendita o affitto al Lido delle Nazioni.


deltacommerce
Informativa estesa sull'uso dei cookies